Il conto deposito è la nuova tutela per chi compra casa, introdotta con la legge sulla concorrenza entrata in vigore dal 29 agosto 2017. compravendita casaD’ora in poi potrete chiedere al notaio rogante di poter depositare il denaro necessario per l’acquisto della casa in un apposito conto, fino alla trascrizione del contratto di compravendita.

Conviene chiedere il conto deposito ?
La risposta è si. Il conto deposito vi proteggerà da molteplici rischi perché, fino al momento in cui l’atto di compravendita della casa non è trascritto, non si ha la certezza che la vendita sia andata a buon fine. Per esempio potrebbero emergere a carico del venditore gravami quali sequestro, pignoramento, ipoteche, ecc., pubblicate dopo l’ultima verifica del notaio. Il venditore potrebbe truffare l’acquirente vendendo lo stesso immobile a più persone. In questo caso l’immobile passerà a chi per primo ha trascritto il contratto di compravendita e voi difficilmente otterrete la restituzione del denaro consegnato al venditore.

Quando il notaio svincola il denaro depositato?
Il notaio svincolerà la somma solo quando si acquisirà la certezza che l’acquisto della casa si è perfezionato senza subire gravami o, se diversamente stabilito, il corrispettivo sarà pagato solo dopo che si è verificato un determinato evento o una determinata prestazione. Ciò avverrà solamente quando gli sarà presentata la prova che le suddette condizioni si sono verificate, sotto forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata.

Interessi sulle somme depositate.
Gli interessi maturati sulla somma depositata, al netto delle spese e delle imposte, calcolati dal giorno del rogito alla data del passaggio di proprietà, saranno destinati a rifinanziare i fondi di credito agevolato destinati a finanziare le piccole e medie imprese.

Posted by Oknoplast

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *