Cinque consigli pratici per una casa a prova di furto.

Le vacanze sono un’occasione unica per staccare la spina dalla solita routine e vivere giorni sereni insieme a tutta la famiglia ma quando il gatto non c’è, si sa, i topi ballano e quelli da appartamento non fanno certo eccezione. Per lasciare la propria casa incustodita senza l’angoscia di trovare al rientro spiacevoli sorprese è necessario adottare soluzioni e dispositivi in grado di tenere lontano i malintenzionati.
Le statistiche parlano chiaro: il 70% delle effrazioni avviene in seguito alla forzatura delle finestre quindi, installare infissi in grado di garantire ottimi parametri di resistenza è il primo passo per lasciare la propria casa in tutta sicurezza.
Vediamo quindi quali sono i 5 elementi che caratterizzano una finestra a prova di scasso.

sfondamento vetro finestra

La ferramenta.

Le finestre Oknoplast, già nella loro versione standard, sono provviste dei riscontri antiscasso Safety Plus che proteggono l’anta dai tentativi di forzatura. Questi riscontri funzionano in sinergia con i nottolini i.S (intelligente Sicherheit – sicurezza intelligente) e l’incastro che si viene a creare tra i due garantisce la presenza di punti sicuri, bloccati da un meccanismo a chiavistello. In questo modo, l’anta aderisce strettamente al telaio impedendo qualunque tipo di forzatura.Per le zone o situazioni particolarmente a rischi è possibile aumentare il grado di sicurezza scegliendo una ferramenta RC1 e RC2 che si distinguono da quella standard per la presenza di un maggior numero di riscontri antieffrazione. Nel primo caso, ogni anta è protetta su 4 angoli. Nel secondo, invece, la collocazione degli elementi antieffrazione dipende dalla larghezza dell’anta (si può arrivare anche ad avere fino a 15 riscontri).

sistemi-sicurezza-delle-finestre-Oknoplast

Sistema di sicurezza RC1 e RC2

La maniglia.

Altro elemento da non trascurare per avere finestre a prova di ladro è la maniglia che, se non rinforzata a dovere, rischia di non reggere ai tentativi di scasso. In questo caso la soluzione più consigliata è senza dubbio la piastra anti trapano che impedisce di perforare il perno della maniglia dall’esterno.

maniglia antiefrazione con chiave

Il vetro.

Per completare l’assetto antieffrazione della finestra è consigliabile scegliere dei vetri di sicurezza. Il vetro P4 Oknoplast, ad esempio, grazie alla sua struttura è in grado di resistere anche ai colpi di martello. E’ costituito da due lastre da 4 mm unite da 2 o 4 pellicole da 0.38mm ciascuna che, in caso di rottura, trattengono i frammenti di vetro, bloccando efficacemente il tentativo di intrusione.

vetrocamera-antiefrazione

Gli avvolgibili.

Anche gli avvolgibili svolgono un’ importante funzione antieffrazione. Gli avvolgibili Novablock di Oknoplast ad esempio sono provvisti di un sistema autobloccante che si aziona al tentativo di sollevamento dall’esterno anche se la tapparella è parzialmente sollevata. Sarebbe inoltre consigliabile valutare la possibilità di collegare gli avvolgibili con l’impianto antifurto e con un sistema di comando intelligente che, alzando ed abbassando le tapparelle agli orari stabiliti, darà l’impressione che la casa sia sempre abitata, scoraggiando qualunque tentativo di intrusione.

 

A questo scopo si rivela utilissimo il sistema TaHoma di Somfy che può controllare a distanza tapparelle, tende interne ed esterne e illuminazione, da qualsiasi dispositivo e ovunque tu sia.

Domotica in casa con Tahoma

A questo punto non ci resta da dirvi altro se non Buone vacanze! La sicurezza della vostra casa è nelle nostre mani.

Posted by Oknoplast

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *