Le zanzare, lo sappiamo, non sono amate da nessuno. Testarde e fastidiose, finiscono sempre per rovinare le nostre serate estive. Come possiamo liberarci da questa piaga senza l’uso di soluzioni chimiche e nocive? Esistono tanti rimedi naturali, vediamone alcuni:

Prevenzione
Meglio prevenire che curare, dicevano, quindi ricordatevi di attuare questi semplici accorgimenti prima di pensare ad ogni altro tipo di soluzione. In primis evitate i ristagni d’acqua, ad esempio sotto i vasi, dove le zanzare sono solite nidificare. Vi consigliamo di mettere in ogni sottovaso una monetina di rame, questo è un semplice trucchetto per rendere l’acqua talmente inospitale da scoraggiare le zanzare nel depositare le uova che potrebbero infestare i vostri giardini e terrazzi. In secondo luogo evitate l’uso di profumi dolci perché attraggono le zanzare come calamite.

Oli essenziali
L’odore di alcuni oli essenziali risulta molto fastidioso per le zanzare. I più efficaci contro questi insetti sono: l’olio essenziale di lavanda, limone, citronella, geranio, menta, eucalipto, arrivando fino al tea tree oil. Questi odori disturbano talmente tanto le zanzare da stordirle e neutralizzarle, nel loro stato confusionale infatti non saranno più grado di aggredire la vostra cute. Versate questi oli, diluiti con un po’ d’acqua, in un barattolino o vasetto, intingete dei bastoncini in legno e poi capovolgeteli. In tal modo, l’odore si diffonderà meglio nell’ambiente e, oltre a profumare la casa, terrà lontane le zanzare. In alternativa, potete usare una bottiglietta spray per spruzzare la stessa soluzione direttamente sulla vostra pelle.

Piante “anti-zanzare”
Esistono alcune piante che potete coltivare sul terrazzo di casa o nel giardino, che vi aiuteranno nella vostra battaglia contro le zanzare. Piante come i gerani, la lavanda, la citronella, l’ eucalipto, la menta, il timo e la calendula hanno potenti effetti repellenti. Così facendo non solo vi libererete di questi fastidiosi insetti ma donerete colore e profumo ai vostri ambienti. Negli ultimi anni è stato attribuito grande merito anche alla meno nota catambra. Grazie alla grande quantità di catalpolo presente nelle sue foglie, emette un aroma impercettibile per l’uomo ma nocivo per gli insetti. Può essere coltivata sia in vaso che in terra e si adatta bene a diverse esposizioni solari. Per essere efficace bisogna disporne una ogni 2/3 metri.

Trappole
Se questi rimedi non dovessero bastare potete ricorrere a delle trappole fai da te e naturali. Ve ne illustriamo una semplicissima da preparare in pochi passaggi
Occorrente:

-Bottiglia di plastica da 1,5/2 litri
– 200 ml d’acqua
– 50 g di zucchero
– 1 g di lievito di birra
– Un cartoncino scuro
Preparazione: Tagliate la bottiglia di plastica a metà. Portate a ebollizione l’acqua e successivamente aggiungete lo zucchero, mescolando fino a farlo sciogliere; lasciate raffreddare. Quindi versatelo nella base della bottiglia e aggiungete il lievito di birra, senza mescolare, in questo modo la reazione chimica durerà più a lungo. Incastrate ora la parte superiore della bottiglia, capovolta (senza tappo), alla base e fissatela con dello scotch. Avvolgete la bottiglia con il cartoncino scuro (potete usare qualsiasi rivestimento che renda l’interno della bottiglia buio). Posizionate la bottiglia in punti strategici, come vicino alle finestre. La trappola fai da te è ora pronta a catturare le sue prede. Esistono anche trappole in commercio che utilizzano diversi metodi (ventole, calore) per attirarle e neutralizzarle. Non si tratta ovviamente di sistemi 100% naturali, ma hanno comunque un limitato impatto ambientale, a differenza delle soluzioni di tipo chimico.

Zanzariere
Il metodo più valido rimane sempre quello di installare delle zanzariere sui vostri infissi. Installatele su ogni finestra e non dimenticatevi che esistono anche quelle da letto. Potete valutare anche soluzioni alternative come le tapparelle autobloccanti Novablock. Si tratta di una soluzione tre in uno che in un colpo solo vi aiuta a risolve i tre problemi fondamentali che si riscontrano durante l’estate: l’eccessiva esposizione solare, i tentativi di furto e gli insetti. Il sistema di autobloccaggio di cui è dotata garantisce un’invalicabile barriera di sicurezza, al tentativo di sollevamento dall’esterno infatti le stecche ruotano su se stesse premendo contro le guide e bloccano l’avvolgibile anche se la tapparella è parzialmente sollevata. Al tempo stesso la speciale griglia microforata, presente tra le lamelle, impedisce il passaggio di insetti e zanzare. Comode da installare possono essere sostituite alle vecchie tapparelle in poche e semplici mosse.

Posted by Oknoplast

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *