Trovare della condensa sui vetri delle vostre finestre in questi giorni di gelo è un fenomeno piuttosto comune. Infatti quando la temperatura interna è molto più alta rispetto a quella esterna i vetri si riempiono di goccioline d’acqua che spesso scolano sul pavimento rischiando di rovinarlo, soprattutto se si tratta di parquet. Cosa ben più grave è che a lungo andare, la condensa contribuisce alla formazione di muffa, che negli ambienti umidi trova il suo habitat naturale!
Ovviamente le stanze più interessate da questo problema sono quelle in cui il grado di umidità è maggiore quindi in bagno, in cucina e in lavanderia, complici la lavatrice e i panni stesi ad asciugare.
Vediamo allora come poter rimediare.

Ventilare gli ambienti.

Durante la stagione fredda a causa del freddo siamo sempre molto restii nell’aprire le finestre e far arieggiare gli ambienti, ma se il problema della condensa è lieve, vi potrebbe bastare questa semplice operazione per eliminarla definitivamente. Quindi dopo aver cucinato o fatto una doccia ricordate sempre di far cambiare aria. E ricordate che è sempre buona norma arieggiare tutti i giorni la casa, anche in inverno.

Asciugare l’acqua in eccesso.

Se dopo aver arieggiato la stanza noterete ancora delle tracce di condensa sui vetri, vi consigliamo di asciugare l’acqua in eccesso con un panno in microfibra. Evitate di utilizzare della semplice carta assorbente, ridurrete gli sprechi ed eviterete di produrre inutili rifiuti.

Adoperare un deumidificatore.

Se il problema è molto esteso e persiste per giorni allora vi consigliamo di ricorrere a un deumidificatore che vi aiuterà ad asciugare il vapore acqueo in eccesso. Ricordatevi di utilizzarlo soprattutto dopo la doccia e nella stanza in cui si trova lo stendibiancheria. Non è buona norma stendere i panni in casa ma, per chi non può proprio farne a meno, il deumidificatore rappresenta una scelta obbligata. In alternativa potete prendere in considerazione l’acquisto di una pratica asciugatrice che vi consentirà di asciugare velocemente il bucato senza avere stendibiancheria sparsi per giorni in casa.

Usare cappe aspiranti.

Mentre siete ai fornelli ricordate sempre di azionare la cappa aspirante che vi aiuterà a catturare i cattivi odori ma anche il vapore in eccesso. Se questo non dovesse essere sufficiente potete optare per sistemi di aspirazione meccanica che si azionano in autonomia quando rilevano un eccesso di umidità in casa.

Installare nuovi infissi.

Se il problema è molto persistente potrebbe essere arrivato il momento di sostituire le vecchie finestre con dei nuovi serramenti con doppio vetro riempiti di gas Argon. Questa soluzione attenua il raffreddamento del vetro interno e di conseguenza limita la formazione di condensa. Per maggiore tranquillità potete optare per la scelta di canaline termiche interne al vetro che, essendo in acciaio o meglio ancora in policarbonato, permettono di eliminare i ponti termici, la principale causa della condensa.Per questi tipi di interventi chiedete sempre il parere di un esperto.

Trova il rivenditore Premium Partner Oknoplast più vicino a te.

Posted by Oknoplast

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *