La nascita di un bambino è una cosa meravigliosa ma allo stesso tempo l’inesperienza dei neo genitori può generare tante ansie e paure in vista dei preparativi per accogliere in casa il nuovo pargoletto. Se la cicogna sta per bussare alla vostra porta, non fatevi trovare impreparati. La prima cosa da fare è cominciare a pensare a come arredare la cameretta che ospiterà il nuovo arrivato/a. Bisogna studiare colori, arredi e accessori che accompagneranno la sua crescita, stimolandone la creatività ma allo stesso tempo dovrete essere attenti a creare un rifugio accogliente e privo di pericoli per il vostro bebè. Vediamo qualche spunto per arredare al meglio la cameretta del nuovo arrivato

Arredamento a misura di bambino.
Per ottimizzare le spese vi consigliamo di scegliere complementi d’arredo in grado di adeguarsi alle diverse fasi della crescita e soluzioni che crescano insieme al bambino cambiando magari forma e funzione. Come la culla trasformabile in lettino che può tranquillamente accompagnare il bimbo fino ai primi anni di vita o dei contenitori multifunzione che, per i primi mesi, fungeranno da ripostiglio per i pannolini ma, con il passare del tempo potranno trasformarsi in comodi contenitori raccogli giocattoli.
Non ci sono regole specifiche nella scelta dell’arredo ma è fondamentale scegliere solo complementi che rispettino le vigenti norme di sicurezza. Inoltre vi consigliamo di scartare mobili con spigoli appuntiti e pericolosi, preferite piuttosto linee morbide e angoli smussati che sapranno limitare i danni in caso di caduta accidentale, che per un bimbo piccolo sono all’ordine del giorno.

Vernici atossiche.
La sicurezza è il primo criterio da valutare anche nella scelta delle vernici da impiegare sulle pareti. Di solito nelle camere dei più piccoli la fantasia la fa da padrone ma ricordate sempre: prima di acquistare una tinta piuttosto di un’altra, verificate l’assenza di sostanze chimiche che, per il sistema immunitario ancora poco sviluppato del nuovo nascituro, possono rivelarsi addirittura tossiche.

Finestre certificate VOC.
Stessa cosa vale per la scelta degli infissi, anche questi infatti possono rilasciare nell’aria sostanze volatili dannose per la salute del nuovo arrivato e di tutta la famiglia. Accertatevi sempre, prima di fare questo acquisto che i serramenti scelti siano dotati di certificazione VOC, solo questa vi garantirà l’assoluta atossicità del prodotto che state acquistando.

Impianto elettrico a prova di bimbo.
Come ultimo step, non trascurate la messa in sicurezza dell’impianto elettrico. Per prima cosa fate controllare da un professionista che sia a norma e in buono stato. Successivamente procedete a mettete in sicurezza tutte le prese elettriche che saranno un richiamo molto pericoloso per il bambino appena comincerà a gattonare per casa. A tal proposito fate installare un “disgiuntore” ovvero un interruttore che inibisce il passaggio di corrente quando non è richiesta. In questo modo eviterete anche il tanto temuto elettrosmog invada la camera del piccolo.

 

 

Posted by Oknoplast

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *