Le principali cause di umidità in casa e le possibili soluzioni

Vivere in una casa confortevole e sana è il sogno di tutti. Ma a infrangerlo molto speso può essere l’umidità che rende gli ambienti poco salubri e causa della formazione di muffa sulle pareti. Le macchie di muffa non sono solamente antiestetiche, ma possono causare gravi danni alla salute e cattivi odori negli ambienti. Le cause di umidità in una casa possono essere molteplici, e se pensate che solo le abitazioni più vecchie possano risentire di questo fenomeno, vi sbagliate: anche gli edifici di recente costruzione ne sono facilmente colpiti. Individuare l’origine dell’umidità nei muri è fondamentale ed è anche il primo passo per risolvere il problema.

Umidità da condensa

Spesso l’umidità in casa è scaturita dall’aria calda che forma della condensa sulle pareti. In questo caso possono apparire antiestetiche e poco salubri macchie di muffa sui muri. I motivi per cui si crea il vapore acqueo e la conseguente umidità sono diversi:

  • eccessiva produzione di vapore nel bagno o nella cucina
  • isolamento termico delle pareti esterne assente o insufficiente
  • presenza di ponti termici
  •  insufficiente isolamento termico dei serramenti
  •  mancata areazione degli ambienti
  • utilizzo di materiali edili non traspiranti

Arieggiare con frequenza gli ambienti è un buon metodo per asciugare i muri. Ma in casi più gravi bisognerà trovare le cause della formazione dell’umidità ed eliminare per esempio verniciando le pareti con le apposite vernici antimuffa oppure isolando dal freddo le pareti perimetrali attraverso il cosiddetto cappotto termico. Se il vostro problema è la condensa sui vetri potete invece trovare soluzioni utili per eliminarla in questo articolo “Come eliminare la condensa sui vetri”

Cause e rimedi per l'umidità da condensa

Umidità di risalita

Alcuni la definiscono anche umidità ascendente dal terreno oppure capillare. L’umidità di risalita si manifesta negli ambienti a pian terreno oppure quelli interrati o seminterrati. E’ causata dall’acqua presente nel terreno che risale e penetra nelle pareti attraverso i cosiddetti capillari presenti nei materiali di costruzione. L’umidità da risalita è causata dalla mancanza di interventi di isolamento orizzontale oppure da lavori mal eseguiti. Ma perché l’acqua risale? Il motivo è da imputarsi ai materiali che si utilizzano per le costruzioni edili, che, essendo porosi, assorbono l’acqua come una spugna attraverso i pori stessi. Esistono 3 metodi efficaci per eliminare l’umidità di risalita. Il primo consiste nell’invertire la polarità attraverso l’elettrosmosi. In questo caso, tramite sofisticati macchinari, si va ad invertire il flusso o a neutralizzare la carica della molecola dell’acqua all’interno della muratura deumidificandola. Si tratta di una soluzione reversibile di facile e pulita installazione, ma per far sì che questo metodo funzioni è comunque importante che sia inserito all’interno di un piano di risanamento complessivo opportunamente analizzato, studiato e valutato. Un’altra soluzione per deumidificare la muratura potrebbe essere quella di servirsi di una barriera chimica. In questo caso verranno praticati dei fori alla base della parete, attraverso i quali verrà introdotta una sostanza chimica che ha il compito di rendere impermeabile la struttura e impedire all’acqua di risalire attraverso i muri. Come ultima alternativa esiste la possibilità di praticare il taglio meccanico della muratura alla base con l’inserimento di fogli impermeabilizzati. Questa però è una soluzione poco usata, sia perché è considerata illegale in molte regioni per ovvi motivi sismici, sia perché renderebbe necessario il rifacimento di tutti gli impianti sottotraccia.

Come riconoscere l'umidità da risalita e come combatterla

Umidità igroscopica

A volte l’umidità nei muri è causata dai sali igroscopici che si trovano nel terreno e all’interno di pareti e intonaci. Questi sali hanno la capacità di assorbire l’umidità dell’aria fino a bagnare le pareti e danneggiare l’intonaco. Una prova che permette di accertare che il degrado delle strutture è dovuto alla presenza di sali, viene effettuata attraverso l’utilizzo di un reagente di esanitrocobaltato di sodio. Questo reagisce con il potassio di un gel facendo assumere alla struttura, soggetta a reazioni alcali-silicee, una colorazione giallastra. La tipologia d’intervento dipende dallo stato in cui si trovano le strutture da risanare e dalla profondità di deposito dei sali igroscopici. Fondamentalmente gli interventi di recupero possono essere di risanamento profondo, di risanamento superficiale o di estrazione.

Le infiltrazioni di prodotti chimici nella parete sono la soluzione migliore per eliminare l'umidità igroscopica

Infiltrazione laterale negli ambienti interrati

Forse vi sarà capitato di notare che a volte le cantine o i garage interrati presentano ai lati tracce di muffa o umidità. Generalmente queste problematiche hanno origine da un cattivo isolamento verticale. Rimediare è possibile impermeabilizzando i muri a contatto con la terra. Esistono degli intonaci specifici che vi consentiranno di proteggere entrambi i lati del muro dalle infiltrazioni di acqua. Uno di questi è quello osmotico, formato da una malta che crea una vera e propria barriera che proteggerà i muri dalle infiltrazioni.

Il miglior metodo per eliminare le infiltrazioni laterali nei locali interrati

Infiltrazione laterale negli ambienti fuori terra

Le cause di umidità di questo tipo sono i fenomeni atmosferici come piogge, allagamenti o la presenza di ristagni e pozzanghere. Le infiltrazioni laterali in questi casi si presentano come macchie di muffa anche molto estese. Per eliminarle l’umidità da infiltrazione laterale completamente è necessario effettuare uno scavo esterno che arrivi fino alle fondamenta verticali dell’abitazione consentendo un perfetto isolamento tra le mura e la superficie.

Ecco la soluzione per eliminare le infiltrazioni laterali nelle pareti fuori terra

Umidità causata da fattori elettro-chimici ed elettro-fisici

In alcuni casi le fastidiose macchie di umidità possono derivare dai materiali utilizzati in fase di costruzione. Ogni elemento ha caratteristiche chimiche diverse: se non isolate a dovere, queste possono influire sulla formazione di macchie di muffa e umidità nei muri. Stesso discorso vale se sono presenti tubi o telai arrugginiti. In questo caso si vengono a formare dei veri e propri campi di interferenza che generano umidità. Esistono anche dei campi definiti di interferenza geologica che derivano dalla presenza nel terreno di falde acquifere. Anche quelli magnetici causati da antenne, televisori e radar possono causare un aumento di umidità o diminuirla. Isolare i conduttori è un buon modo per risolvere efficacemente questa tipologia di problemi.

Umidità causata dalle infiltrazioni provenienti da impianti idraulici

L’umidità alle volte è causata da perdite, anche piuttosto importanti, che si verificano negli impianti dell’abitazione. I tubi rotti possono essere quelli dell’impianto idraulico, come il sistema di scarico e carico dell’acqua, del riscaldamento o quelli del condizionatore. Se la perdita è di lieve entità, dopo averla fatta riparare, si può risolvere il problema dell’umidità in casa arieggiando molto spesso le stanze o servendosi di un deumidificatore per accelerare l’asciugatura della superficie.

Come accorgersi delle rotture di tubazione nell'impianto idraulico e come ripararle

Posted by Oknoplast

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *